domenica 25 giugno 2017

Notizie parrocchiali - 25 giugno 2017


MESSE AL CAMPO E VARIAZIONI D’ORARIO
Domenica 2 luglio, alle 11 verrà celebrata la Messa all’alpe Pianello in occasione della festa di quel luogo.
La parrocchia di Ramate terrà contemporaneamente il suo annuale pellegrinaggio al santuario di Re.
Pertanto sono sospese le celebrazioni festive di Montebuglio (ore 9,30), Ramate (ore 10,30) e Casale (ore 11).
___________________________________________________________

PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DI RE
L’annuale Pellegrinaggio al Santuario di Re, organizzato dalla Parrocchia di Ramate, si effettuerà domenica 2 luglio 2017. Tutti possono partecipare.
Quest’anno non si parte da Masera ma da Druogno alle ore 06,00 di fronte alla Chiesa Parrocchiale. La Messa al Santuario sarà alle 11.
C’è la possibilità di partecipare al pranzo comunitario che si consumerà presso l’Agriturismo “Ca’ di Navaroj” in località Prata di Vogogna, telefonando entro venerdì 30 giugno agli organizzatori: Perazzoli Giuseppe 0323 642576, Vita Antonio 0323 60732. Il costo del pranzo è di €. 25 (bevande comprese).
___________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Rosario in famiglia, lunedì 26 giugno, ore 20,45 presso Dina ed Enzo Albertini, Ricciano.

Gruppo San Pio da Pietrelcina: martedì 27 giugno, ore 20,45 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

CENTRO ESTIVO
Lunedì 26 giugno dalle ore 13.30 alle ore 17.00 avranno inizio le attività del Centro Estivo.
Durante la prima settimana, mercoledì 28 giugno, ci sarà la prima uscita alle piscine “Acquatica Park” di Settimo Milanese. Per le iscrizioni a questa prima uscita verrà distribuito un modulo da compilare e presentare entro il 27 giugno.


Si accomanda ai genitori che volessero iscrivere i propri figli, di farlo per tempo, entro le prossime due settimane, rivolgendosi a padre Joseph o a don Pietro; questo, per evitare che il primo giorno del Centro Estivo si creino delle eccesive lungaggini.

Una giornata densa di eventi

Sabato 24 giugno 2017, ricorrenza della nascita di san Giovanni Battista.
Nella parrocchia di San Giorgio martire si è amministrata la tradizionale benedizione ai bambini e si è conferito il Mandato agli animatori che lunedì 26 inizieranno il loro impegno a favore dei ragazzi iscritti al centro estivo delle Parrocchie Unite del territorio di Casale Corte Cerro.



sabato 24 giugno 2017

Il pensiero di don Pietro - domenica 25 giugno 2017

LA PAURA E IL CORAGGIO (Mt. 10,26-33)

Il nostro mondo è pieno di paure: paura dell’Isis, paura degli immigrati, paura del “diverso”, paura dei vicini, paura di noi stessi, paura della sofferenza, paura della morte… E sapete perché abbiamo così tante paure? Perché non abbiamo più la fiducia: abbiamo smesso di fidarci di noi stessi, degli altri e di Dio! Attenti che, se perdiamo la fiducia, diventiamo preda di tutte le paure del mondo. Gesù viene in nostro soccorso invitandoci a non avere paura: “Non abbiate paura degli uomini…di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno il potere di uccidere l’anima…” Gesù ci conduce alle radici profonde della nostra vita invitandoci ad avere fiducia di colui che sta all’inizio e alla fine, cioè, Dio: “Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno cadrà a terra senza il volere del Padre vostro… voi valete più di molti passeri!” Dunque, fiducia e fedeltà a Dio, al suo progetto provvidenziale di amore e di misericordia. Per sconfiggere le paure che ci sono in noi non c’è altra strada che questa: avere fiducia in Dio, infatti, egli porterà a compimento l’opera che ha iniziato in noi e nel mondo. E veniamo a parlare del coraggio, questo sentimento, o meglio, atteggiamento profondo del cuore che ci fa essere grandi oppure miserabili. Purtroppo la mentalità più diffusa considera il coraggio in relazione ai muscoli e alla forza fisica. Ed è una delle cause che permette ai litigi di sfociare nella violenza e alle ostilità tra i popoli nella guerra. Ma attenzione: Gesù ci mette in guardia da questa mentalità che guida i potenti di questo mondo! Non saranno loro, né le strategie e i compromessi dei mafiosi o corrotti, che spesso sembrano impadronirsi della realtà, ad avere la meglio. Dinanzi alla storia della salvezza, i disegni dei potenti mostrano tutta la loro inconsistenza, perché il vero Potente è uno solo: “…colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo”. Pertanto, il vero coraggio è quello che nasce e si sviluppa nei nostri cuori, fino a portarci addirittura a dare la vita per Cristo e il suo Vangelo di amore. E’ il coraggio della fede in Dio, è il coraggio dei martiri, è il coraggio dei perseguitati a causa del Vangelo, è il coraggio dei semplici e dei miti, è il coraggio di tutti coloro che non pongono se stessi al centro della propria vita ma la potenza della Parola e la testimonianza del Vangelo. Il coraggio del cristiano si pone come risposta forte all’affermazione di Gesù: “Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli”.

sabato 17 giugno 2017

Notizie parrocchiali - 18 giugno 2017


INAUGURAZIONE CROCE MISSIONARIA A MONTEBUGLIO
Domenica 18 giugno alle ore 11.30, davanti alla nuova croce che ricorda le missioni svoltesi a Montebuglio negli anni passati, verrà celebrata una S. Messa “al campo”, al termine la croce sarà benedetta.
___________________________________________________________

CENA DEI CHIERICHETTI
Venerdì 23 giugno alle ore 19.00 nel salone dell’Oratorio tutti i chierichetti sono invitati ad una cena di fraternità.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE DEI BAMBINI
Sabato 24 giugno alle ore 18.00 in chiesa parrocchiale, in occasione della festa della natività di S. Giovanni Battista ci sarà la tradizionale benedizione di tutti i bambini.
__________________________________________________________

FESTA DI SAN GIOVANNI BATTISTA
Tanchello – domenica 25 giugno
Ore 11      Messa solenne
Ore 15      Vespri e Benedizione Eucaristica
____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: martedì 20 giugno, ore 20,45 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

CENTRO ESTIVO
Lunedì 19 giugno, alle 17, presso il salone dell’Oratorio, coloro che desiderano dare un aiuto concreto al “Centro Estivo” sono invitati a un incontro organizzativo.

Lunedì 26 giugno dalle ore 13.30 alle ore 17.00 avranno inizio le attività del Centro Estivo.
Durante la prima settimana, mercoledì 28 giugno, ci sarà la prima uscita alle piscine “Acquatica Park” di Settimo Milanese. Per le iscrizioni a questa prima uscita verrà distribuito un modulo da compilare e presentare entro il 27 giugno.


Si accomanda ai genitori che volessero iscrivere i propri figli, di farlo per tempo, entro le prossime due settimane, rivolgendosi a padre Joseph o a don Pietro; questo, per evitare che il primo giorno del Centro Estivo si creino delle eccesive lungaggini.

Il pensiero di don Pietro - domenica 18 giugno 2017 - Corpus Domini

 CARNE E SANGUE DI GESU’ (Gv. 6,51-58)

Il sacramento dell’Eucarestia, con i segni del pane e del vino, è quello che ci permette la massima visibilità e una profonda comunione di vita con il nostro Signore Gesù Cristo e con i fratelli. La visibilità è data dai segni del pane e del vino che, nella consacrazione, diventano rispettivamente la carne e il sangue di Cristo. Sono passati più di duemila anni dall’istituzione dell’Eucarestia, da allora molte cose sono cambiate, ma possiamo dire che Gesù ha scelto i segni più semplici, diretti e significativi per esprimere il dono massimo della sua vita. Il pane è ancora oggi uno degli alimenti base dell’umanità, inoltre richiama il pane àzzimo, non lievitato, della Pasqua ebraica; il vino è una delle bevande più antiche e rappresenta la gioia della vita nuova. Gesù parla di sé come di un “pane vivo disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno”. Ma Gesù specifica con esattezza in che cosa consiste questo pane: “…e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. Non c’è bisogno di scervellarsi per capire, perché Gesù stesso ce lo spiega chiaramente. Tutto facile, tutto semplice? Non esattamente, infatti, i giudei gli contestano proprio il fatto della identificazione del pane con la sua stessa carne: per i giudei questo era assolutamente impossibile! La feroce critica dei giudei riguarda il fatto stesso della incarnazione del Figlio di Dio, cioè, il fatto che Gesù possa essere la fonte della salvezza e della vita per l’uomo: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?” E con il vino che è il sangue di Gesù la dose di rifiuto da parte dei giudei raggiunge il culmine. Possiamo anche meravigliarci per il rifiuto secco che i giudei hanno opposto a Gesù sul discorso dell’Eucarestia, ma dovremmo piuttosto chiederci se un simile rifiuto non lo rischiamo anche noi oggi. Purtroppo anche nella vita delle nostre comunità cristiane, non poche volte, si riscontra la stessa perplessità, perché la potenza dell’incontro con il Risorto nell’Eucarestia, stenta ad essere vissuta nella sua pienezza, riducendosi spesso all’adempimento di un precetto, senza cogliere la bellezza di un incontro che salva. Gesù chiarisce che nell’Eucarestia, mediante il pane della vita, entriamo in comunione con lui, con il Figlio dell’Uomo, il Risorto; non si parla del suo corpo fisico. Come è necessario il cibo del pane materiale perché il corpo non perisca ed il bere perché non si disidrati, così per entrare nella vita eterna è necessario nutrirsi di Cristo attraverso il dono dell’Eucarestia.         

venerdì 16 giugno 2017

Ripresa giovedì 15 giugno la tradizione della processione del Corpus Domini

E' stata ripresa la tradizione di svolgere la processione del Corpus Domini.
Giovedì 15 giugno, giorno della festa secondo il calendario tradizionale, è stata celebrata la Messa nella chiesa parrocchiale di San Giorgio, Al termine il Santissimo Sacramento è stato portato in forma solenne per le strade - per l'occasione illuminate da file di luci colorate - sino all'oratorio della Santissima Trinità di Crebbia, dove il parroco ha impartito la solenne Benedizione Eucaristica.

  

  

domenica 11 giugno 2017

Notizie parrocchiali - 11 giugno 2017


INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: martedì 13 giugno, ore 20,45 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

CENTRO ESTIVO
Sabato 17 giugno alle ore 15.00 continuano gli incontri organizzativi del Centro Estivo.

Si accomanda ai genitori che volessero iscrivere i propri figli, di farlo per tempo, entro le prossime due settimane, rivolgendosi a padre Joseph o a don Pietro; questo, per evitare che il primo giorno del Centro Estivo si creino delle eccesive lungaggini.
___________________________________________________________

CATECHISMO
Gli incontri formativi sono terminati per tutti i gruppi; riprenderanno a inizio ottobre.

Lunedì 12 giugno, alle ore 20.45 presso la sala parrocchiale di Gravellona Toce i catechisti/e dell’UPM 15 sono invitati all’incontro periodico.

Il pensiero di don Pietro - domenica 11 giugno 2017 - Santissima Trinità

OH TRINITA’ BEATA, OCEANO DI PACE… (Gv. 3,16-18)

E’ l’inizio dell’inno alla SS. Trinità riportato sui testi di preghiera, con il quale siamo invitati a rendere lode a Dio nel profondo della sua essenza. E’ una preghiera dalla quale ci si sente trasportati dentro il grande mistero della SS. Trinità di Dio, Padre e Figlio e Spirito Santo. Con la SS. Trinità noi contempliamo il mistero di Dio nella sua pienezza, così come si è manifestato nella storia dell’uomo. Al centro di questo mistero c’è Gesù Cristo: egli si manifesta come il Figlio amato, che mostra all’uomo il volto del Padre e guida e illumina la comunità umana attraverso il suo Spirito. Gesù Cristo è il culmine dell’amore di Dio per il mondo: “Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna”. Pertanto, nella SS. Trinità Dio si presenta come colui che si interessa dell’uomo, che lo ama, che ha a cuore la sua salvezza e la sua felicità. Questo prendersi cura supera ogni umana aspettativa ed arriva al dono di sé, dove la logica del giudizio è superata e compiuta da quell’amore misericordioso che perdona e salva: “Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui”. Dinanzi al sacrificio del Figlio, Gesù Cristo, si determina la scelta di colui che crede nella sua persona, in questo amore misericordioso, e giunge alla salvezza. Chi invece non crede nella potenza redentrice del nome di Gesù, si condanna da sé, infatti, sarà destinato ad essere schiacciato dal peso dei suoi peccati e della propria fragilità umana: l’autosufficienza è la radice dell’esclusione dalla salvezza che viene da Dio in Cristo. La SS. Trinità è per eccellenza il mistero della comunione che si realizza nel dono: Padre e Figlio e Spirito Santo sono in perfetta comunione, proprio perché c’è una piena e totale donazione reciproca. Ma la donazione che c’è nel mistero della SS. Trinità non è fine a se stessa, ma raggiunge tutta l’umanità, grazie a Gesù Cristo che è venuto nel mondo perché sia salvato. L’uomo che rifiuta la salvezza che scaturisce dalla fonte dell’amore di Cristo Gesù, si condanna alla maledizione e alla morte, perché con il suo rifiuto perde la sua identità di figlio di Dio, creato ad immagine e somiglianza dell’amore di Dio. Chi invece si affida e si converte alla persona di Gesù, al suo amore misericordioso, giunge alla salvezza, alla vita, perché nella salvezza operata da Cristo l’uomo trova il compimento della sua felicità. Oh Trinità beata, oceano di pace…           

lunedì 5 giugno 2017

Cresime


Sono state amministrate nel pomeriggio di domenica 4 giugno le Cresime ai cinquantadue ragazzi di prima e seconda media delle tre parrocchie casalesi.

La cerimonia è stata presieduta dal novarese don Renato Cozzi in sostituzione del vescovo, monsignor Franco Giulio Brambilla.

domenica 4 giugno 2017

Notizie parrocchiali - 4 giugno 2017


CRESIME E VARIAZIONI D’ORARIO
Domenica 4 giugno verranno amministrate le Cresime ai ragazzi delle tre parrocchie casalesi. La cerimonia si terrà presso la chiesa parrocchiale di San Giorgio, in Casale, con inizio alle ore 16.
Non verranno celebrata le Messe delle ore 11 a Casale e delle ore 18 a Ramate. I fedeli potranno usufruire delle celebrazioni di Montebuglio, alle 9,30 e di Ramate, alle 10,30.
___________________________________________________________

FESTA PATRONALE DELLA SANTISSIMA TRINITA’
Crebbia – domenica 11 giugno
ore 11       Messa solenne
                 a seguire aperitivo offerto dal comitato dei frazionisti
ore 15       funzione pomeridiana con recita dei Vespri e Benedizione Eucaristica
____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: martedì 6 giugno, ore 20,45 nella chiesa parrocchiale di Ramate

Ora Mariana: domenica 11 giugno, ore 14,30 nella chiesa parrocchiale di Casale
____________________________________________________________

CATECHISMO

Gli incontri formativi sono terminati per tutti i gruppi; riprenderanno a inizio ottobre.

sabato 3 giugno 2017

Il pensiero di don Pietro - domenica 4 giugno 2017 - Pentecoste

PENTECOSTE: LO SPIRITO SANTO IN AZIONE (Gv. 20,19-23)

E’ importante conoscere bene quali sono le caratteristiche proprie dello Spirito Santo, meraviglioso dono del Padre e del Figlio ai credenti. La prima caratteristica è che si tratta di un “dono condiviso”, cioè, non è dato singolarmente e in modo isolato, ma in gruppo. Lo stesso Gesù, quando fa la promessa dello Spirito Santo ai suoi discepoli, raccomanda loro di rimanere uniti. Quando il Crocifisso Risorto appare ai suoi discepoli, essi si trovavano tutti uniti: “La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte dove si trovavano i discepoli…venne Gesù…soffiò e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo…” E gli Atti degli Apostoli ci raccontano che: “Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo…e tutti furono colmati di Spirito Santo…” Il dono dello Spirito Santo è un “dono condiviso”. Lo Spirito Santo “non agisce su comando, ma in modo libero e imprevedibile: “Venne all’improvviso dal cielo un fragore…” Ciò significa che è necessario essere pronti ad accoglierlo quando arriva. Papa Francesco in una delle ultime interviste, a proposito dei messaggi di Medjugorje che la Madonna darebbe ai veggenti il 25 di ogni mese, ebbe a dire: “Io preferisco la Madonna madre, nostra madre, e non la Madonna capo-ufficio telegrafico che tutti i giorni invia un messaggio alla tal ora…questa non è la Mamma di Gesù”. Lo Spirito è imprevedibile e assolutamente libero! L’azione dello Spirito Santo è “multiforme e variegata”. Così lo descrive gli Atti degli Apostoli: “…e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi”. Anche San Paolo sottolinea l’azione multiforme dello Spirito: “Vi sono diversi carismi, ma uno solo è lo Spirito… A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito”. Proprio a causa dell’azione assolutamente libera e multiforme dello Spirito Santo, il Concilio Vaticano II° invita tutti i credenti a saper “leggere i segni dei tempi”, cioè, quelle manifestazioni che lo Spirito Santo va continuamente operando nel mondo. Infine, lo Spirito Santo opera sempre “per la pace e il bene comune”: “…venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: ‘Pace a voi!’” La Pace è il bene più grande che il Crocifisso Risorto dona ai suoi discepoli. Qui la Pace va intesa come Presenza, la nuova Presenza che Gesù realizza nei suoi discepoli con il dono dello Spirito Santo. Dunque, Pace e Perdono dei peccati per il bene comune, come scrive San Paolo: “A ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune. Vieni, Spirito Santo!

lunedì 29 maggio 2017

Prime Comunioni a Casale


Domenica 28 maggio hanno ricevuto la Prima Comunione i piccoli di Casale e Montebuglio: Riccardo Brughera, Simone Castiglioni, Mattia Debeffi, Elisa Niccolò, Samuele Gioscia, Serena Grazioli, Elia Minoletti, Sara Torriani, Viola Piras, Arianna Morieri, Alice Grandi, Giulia Clemente, Ilaria Vitelli, Guglielmo Staffaroni, Manuel Ferro ed Elia Marchesa Rossetti.

Domenica 4 giugno verrà invece amministrata la Cresima ai ragazzi delle tre parrocchie, con una cerimonia che si terrà nella chiesa parrocchiale di San Giorgio, a Casale, alle 16.

domenica 28 maggio 2017

Notizie parrocchiali - 28 maggio 2017


VARIAZIONI D’ORARIO
Domenica 4 giugno verranno amministrate le Cresime ai ragazzi delle tre parrocchie casalesi. La cerimonia si terrà presso la chiesa parrocchiale di San Giorgio, in Casale, con inizio alle ore 16.
Non verrà celebrata la Messa delle ore 11. I fedeli potranno usufruire delle celbrazioni di Montebuglio, alle 9,30 e di Ramate, alle 10,30.
_____________________________________________________________

CENTRO ESTIVO
Incontro formativo degli animatori: sabato 3 giugno, ore 15 presso l’oratorio Casa del Giovane.
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: durante il mese di maggio l’incontro settimanale è sostituito dalla recita del Rosario, alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

MESE MARIANO
Mercoledì 31 maggio si concluderanno i riti del mese Mariano con la tradizionale benedizione delle rose, alle 20 presso la chiesa di San Carlo.
Si ricorda che, a partire da lunedì 1 e per tutto il mese di maggio - salvo diverse indicazioni fornite attraverso i bollettini settimanali e questo sito web – tutte le celebrazioni della parrocchia di San Giorgio in Casale si terranno presso la chiesa dei santi Carlo Borromeo e Bernardo di Aosta, particolarmente dedicata alla Vergine di Pompei.
Nei giorni feriali verrà recitato il Rosario alle 20, seguito dalla Messa alle 20,30. Nei giorni festivi si terranno gli orari consueti.
A Ramate verrà recitato il Rosario nelle famiglie, secondo il calendario via via riportato dal bollettino parrocchiale, nei giorni feriali, alle 20,30.
___________________________________________________________

PRIME COMUNIONI A RAMATE
Domenica 21 maggio 2017
Albasini Valentina, Arvonio Sofia, Battista Davide, Beldì Andrea, Belleri Ambra, Bulgarelli Ilaria, Caldi Emanuele, Carissimi Emma, Carrabba Alessio, Ciamaglia Thomas, Damiano Christian, Falciola Andrea, Gallacci Valentina, Gatto Tiziana, Guidetti Stefano, Micotti Alice - Piana Christian - Samuele Bruno, Sanaguano Marco, Scaramuzzi Giulia - Varveri Simone, Zaccaro Elena - Zambonini Sofia


___________________________________________________________

CATECHISMO
Cerimonia delle Cresime di domenica 4 giugno
Giovedì 1 giugno, chiesa parrocchiale di Casale
·      ore 15,30 prove generali
·      ore 20,30 confessioni di genitori, padrini e madrine dei cresimandi

Gli incontri formativi sono terminati per tutti i gruppi; riprenderanno a inizio ottobre.
__________________________________________________________

RINGRAZIAMENTI

In occasione della festa annuale di san Defendente, ad Arzo sono state raccolte offerte per un totale di oltre 300 euro. Si ringraziano sentitamente tutti coloro che hanno in qualunque modo contribuito alla buona riuscita dell’iniziativa.

Il pensiero di don Pietro - domenica 28 maggio 2017 - Ascensione di N.S. Gesù Cristo

UNA NUOVA PRESENZA (Mt. 28,16-20)

Con l’Ascensione si chiude l’esperienza di Gesù sulla terra. C’è chi crede, chi è dubbioso e chi non crede affatto, ma una cosa è certa: nulla e niente sarà più come prima. Possiamo dire con certezza che Gesù ha cambiato radicalmente il corso della storia: il mondo è stato salvato! Questo significa che non ha più bisogno di altri “salvatori” o presunti tali. C’è un solo Salvatore da invocare: il Signore nostro Gesù Cristo, che Dio Padre ha risuscitato dai morti facendolo sedere alla sua destra e costituendolo unico Signore al di sopra di ogni Principato e Potenza. Ma intanto questo Signore nostro Gesù Cristo, che ha dominato sulle potenze del male, sul peccato e sulla morte, scompare dietro le nubi nel cielo: “…mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi”. Per i discepoli è un’esperienza simile a quella del distacco da una persona cara. Tuttavia Gesù li aveva preparati a questo distacco, con frasi e promesse come queste: “Io me ne vado al Padre, ma non vi lascerò orfani, pregherò il Padre perché vi mandi lo Spirito Paràclito”. “Non preparate la vostra difesa, quando vi trascineranno nei tribunali sarà lo Spirito a darvi forza e a suggerirvi le parole”. “Lo Spirito Santo vi guiderà alla piena conoscenza della verità”. Non si tratta di un abbandono, ma della promessa di una nuova presenza, quella dello Spirito Santo: “Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Ed è sempre la fede a sostenere i discepoli nell’adesione alle promesse di Gesù. Del resto, è quella stessa fede che Egli chiedeva a coloro che favoriva con i suoi prodigi: “Va’, la tua fede ti ha salvato”. Quando l’evangelista Matteo racconta l’Ascensione di Gesù, infatti, annota in alcuni la presenza del dubbio: “Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono”. Ciò significa che la fede sta alla base della nostra relazione con Gesù, sia che si faccia vedere di persona e sia che si renda presente mediante lo Spirito Santo. Gesù ha fiducia dei suoi discepoli, al punto da concedere loro i suoi stessi poteri: “A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli…” Il segreto è sempre lo stesso: avere una fede autentica. E, a guardar bene, se è davvero autentica ne basterebbe anche poca, infatti, Gesù ha detto: “Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: ‘sràdicati e vai a piantarti nel mare’ ed esso vi obbedirebbe”. Gesù è con noi sempre, facciamoci trovare!            

Parola di Papa

“I credenti avvertono sempre più che se la Buona Novella non viene fatta conoscere anche nell’ambiente digitale, potrebbe essere assente nell’esperienza di molti, per i quali questo spazio esistenziale è importante.”

(Jorge Bergoglio - papa Francesco 1°)

lunedì 22 maggio 2017

Notizie parrocchiali - 21 maggio 2017

CENTRO ESTIVO
Incontro formativo degli animatori: domenica 21 maggio, ore 15 presso l’oratorio di Gravellona Toce.
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: durante il mese di maggio l’incontro settimanale è sostituito dalla recita del Rosario, alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

MESE MARIANO
A partire da lunedì 1 e per tutto il mese di maggio - salvo diverse indicazioni fornite attraverso i bollettini settimanali e questo sito web – tutte le celebrazioni della parrocchia di San Giorgio in Casale si terranno presso la chiesa dei santi Carlo Borromeo e Bernardo di Aosta, particolarmente dedicata alla Vergine di Pompei.
Nei giorni feriali verrà recitato il Rosario alle 20, seguito dalla Messa alle 20,30. Nei giorni festivi si terranno gli orari consueti.
A Ramate verrà recitato il Rosario nelle famiglie, secondo il calendario via via riportato dal bollettino parrocchiale, nei giorni feriali, alle 20,30.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE
Da lunedì 15 maggio i sacerdoti visiteranno le famiglie martedì di Gattugno, Cereda e delle vie Nazioni Unite, Partigiani e Gravellona. Verranno recapitati gli avvisi ai diretti interessati.
____________________________________________________________

FESTA DELLA MADONNA DEL BALMELLO
Venerdì 26 maggio
Ore 20,00 recita del Rosario e celebrazione della Messa presso l’oratorio del Balmello
___________________________________________________________

PRIME COMUNIONI A RAMATE
Domenica 21 maggio 2017
Albasini Valentina, Arvonio Sofia, Battista Davide, Beldì Andrea, Belleri Ambra, Bulgarelli Ilaria, Caldi Emanuele, Carissimi Emma, Carrabba Alessio, Ciamaglia Thomas, Damiano Christian, Falciola Andrea, Gallacci Valentina, Gatto Tiziana, Guidetti Stefano, Micotti Alice - Piana Christian - Samuele Bruno, Sanaguano Marco, Scaramuzzi Giulia - Varveri Simone, Zaccaro Elena - Zambonini Sofia
___________________________________________________________

CATECHISMO
RITIRO “CRESIMANDI” A VEZZO

Domenica 21 maggio alle ore 9.30 partenza del pullman dall’Oratorio destinazione Vezzo, dove si svolgerà il ritiro spirituale per i “cresimandi”. Nel pomeriggio alle ore 14.30 sono invitati anche i genitori per un incontro con i padri. Al termine della Messa (ore 18.00 circa.) i genitori con mezzi propri riporteranno a casa i ragazzi.

Il pensiero di don Pietro - domenica 21 maggio 2017

RISUONA ANCORA LA PROMESSA DI GESU’ (GV. 14,15-21)

La paura della solitudine, di non trovare amici e compagni di viaggio, di rimanere soli a lottare, di non trovare in chi riporre la nostra fiducia, genera sempre in noi una vera e propria angoscia. Ma con Gesù non è così, Lui ha lasciato una promessa ai suoi discepoli: “Non vi lascerò orfani: verrò da voi…” E questa promessa risuona ancora oggi nei cuori di coloro che credono in Lui! La missione cristiana non è in primo luogo una iniziativa umana, ma una risposta al disegno di Dio rivelato in Gesù. Perciò anche nei momenti difficili, addirittura anche nella persecuzione, la comunità cristiana non è abbandonata a se stessa, ma accompagnata e assistita dalla presenza del Risorto. Gesù continua a custodire i suoi lungo il corso della storia, continua ad assisterli e a guidarli mediante il suo Spirito: “Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità…” Dallo Spirito siamo resi collaboratori di Dio nella diffusione della Buona Notizia e nella trasformazione del mondo, per un cammino di crescita nella verità e nell’amore. Infatti, cristiani si è non per se stessi, ma per tutta l’umanità. Nel Vangelo risuona la promessa di Gesù, che ci assicura di non lasciarci orfani, ma di venire da noi in ogni momento. Il Paràclito, cioè, lo Spirito della verità, non farà conoscere nulla di nuovo rispetto a quanto ci ha insegnato Gesù, ma spiegherà il suo messaggio a seconda delle situazioni diverse in cui esso verrà proclamato. Lo Spirito darà alla Chiesa il senso cristiano della storia e suggerirà la risposta giusta ai nuovi problemi che la storia umana porrà. Lo Spirito della verità ha anche il compito di ricordare ai discepoli la parola di Gesù. E’ il tema della memoria molto caro al Deuteronomio che raccomanda di ricordare alle nuove generazioni le grandi opere che il Signore ha compiuto per il suo popolo. Questo duplice ruolo, interpretativo e memorizzante, dello Spirito fa della comunità il luogo in cui la parola di Gesù è sempre di nuovo ricevuta e attualizzata in modo creativo nell’esistenza dei credenti. Gesù continua ad avere un forte interesse per noi, la sua è una sollecitudine caratterizzata dalla delicatezza e dalla tenerezza: mediante il dono dello Spirito continua a custodire ciascuno di noi in un abbraccio che è al tempo stesso, autentico forte e rispettoso. E la prova dell’autenticità della sua promessa Gesù ce l’ha data con la sua morte e risurrezione: l’amore vero passa sempre attraverso gesti e fatti di vita concreta.    

Ben riuscita la gita dell'oratorio ad Arenzano



E’ stata un successo la gita al santuario del Bambin Gesù di Praga - sito ad Arenzano, presso Genova - organizzata sabato 20 maggio dall’oratorio Casa del Giovane.

Eccoli qui, i partecipanti, nella tradizionale foto ricordo.

domenica 14 maggio 2017

Notizie parrocchiali - 14 maggio 2017


GITA DELL’ORATORIO
Il gruppo dell’oratorio si recherà in gita al santuario del Bambin Gesù di Praga, sito ad Arenzano, presso Genova, sabato 20 maggio. Partenza in pullman dal piazzale dell’oratorio Casa del Giovane alle 6,30 e rientro in serata.
Nell’occasione non verranno celebrate le Messe prefestive delle 18,30 a Gattugno e delle 20 a Ramate.
_____________________________________________________________

CENTRO ESTIVO
Incontro formativo degli animatori: domenica 14 maggio, ore 15 presso l’oratorio Rosmini di Stresa.
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: durante il mese di maggio l’incontro settimanale è sostituito dalla recita del Rosario, alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

MESE MARIANO
A partire da lunedì 1 e per tutto il mese di maggio - salvo diverse indicazioni fornite attraverso i bollettini settimanali e questo sito web – tutte le celebrazioni della parrocchia di San Giorgio in Casale si terranno presso la chiesa dei santi Carlo Borromeo e Bernardo di Aosta, particolarmente dedicata alla Vergine di Pompei.
Nei giorni feriali verrà recitato il Rosario alle 20, seguito dalla Messa alle 20,30. Nei giorni festivi si terranno gli orari consueti.
A Ramate verrà recitato il Rosario nelle famiglie, secondo il calendario via via riportato dal bollettino parrocchiale, nei giorni feriali, alle 20,30.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE
Da lunedì 15 maggio i sacerdoti visiteranno le famiglie martedì di Montebuglio, Tanchello, Motto e delle vie Novara, Marconi e Ramate. Verranno recapitati gli avvisi ai diretti interessati.
____________________________________________________________

FESTA DI SAN DEFENDENTE
Arzo, domenica 21 maggio
Ore 11 Messa solenne
Ore 15 Vespri, Adorazione e Benedizione Eucaristica
Ore 17 concerto partecipato in regione California
Nel pomeriggio sarà possibile visitare l’esposizione artistica “La guerra dentro e fiori” organizzata dall’associazione Artzo.lab nell’area boschiva sita lungo l’antica strada pedonale che collega Arzo con Cafferonio.
___________________________________________________________

CORALE DI RAMATE
Giovedì 15 maggio prove di canto, ore 21 in chiesa parrocchiale.
___________________________________________________________

CATECHISMO

Domenica 21 maggio i bambini che riceveranno prossimamente la Cresima sono invitati, con i loro genitori, a partecipare a un ritiro spirituale che si terrà presso la casa dei padri di Vezzo. I ragazzi partiranno in pullman dal piazzale dell’oratorio Casa del Giovane alle 9,30 e gli adulti li raggiungeranno nel pomeriggio. Rientro, con mezzi propri, alle 18.

Il pensiero di don Pietro - domenica 14 maggio 2017

“NON SIA TURBATO IL VOSTRO CUORE… ABBIATE FEDE…”
(Gv. 14,1-12)
La tristezza, la paura, il turbamento, sono sentimenti molto presenti nell’animo umano ancora oggi nella nostra società che pure ha subito un radicale cambiamento dai tempi di Gesù. Soprattutto si affacciano e sono maggiormente presenti nei tempi di crisi. Gesù parla di “turbamento” pensando che per Lui è ormai arrivato il tempo di lasciare i suoi discepoli per andare verso il Padre. Si tratta di costruire un nuovo inizio con i suoi discepoli, dove la sua presenza continuerà ad esserci ma non sarà più la stessa di prima. Gesù conosce bene l’animo umano e la fragilità che lo caratterizza, del resto Dio non potrebbe costruire il nuovo edificio in un soggetto troppo sicuro di sé, che si considera già arrivato, perché non sarebbe adatto a lasciarsi plasmare. Così nei racconti biblici delle grandi vocazioni, troviamo sempre il timore dell’uomo che viene sollevato dalla rassicurazione di Dio. Per superare il timore e la paura Gesù indica ai suoi discepoli la mèta: “Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore…” Ma soprattutto li aiuta a comprendere che la cosa più importante non è tanto la mèta quanto la via per raggiungerla: essere nella strada giusta, che è Cristo stesso, camminare con Lui, essere in Lui, dà certezza: “Io sono la via, la verità e la vita…” Allora bisogna avere fede, fidarsi di Gesù e lasciarsi guidare da Lui: “Abbiate fede in me…” Gli apostoli sono uomini concreti, non sono nati per essere eroi, Gesù li ha scelti non perché erano perfetti ma perché li ha amati ed essi si sono lasciati amare. Il Signore non si preoccupa dei risultati, del far bella figura, di un prodotto finito, di garanzie e profitto. Ci chiede un cuore disponibile e l’atteggiamento umile di chi si fida, mettendo la propria vita nelle sue mani. Gli apostoli li vediamo spesso impreparati, inadeguati al compito loro affidato, ma Gesù ha pazienza con loro e li prepara ad un grande avvenire. In realtà noi possiamo sentirci consolati, perché questi uomini fragili, deboli, dalla fede scalcinata, ma appassionati, carichi di slanci e di sinceri entusiasmi, non solo ci rappresentano, ma ci appartengono, la loro vita la sentiamo nostra. Anche noi, sullo stile degli apostoli e della prima comunità cristiana, esperta nelle relazioni buone e costruttive, ricca di carismi e servizi, capace di trasmettere la nuova umanità di Cristo risorto, dobbiamo impegnarci ad accendere il volto autentico e luminoso della Chiesa.

                                                                                                     don Pietro

sabato 29 aprile 2017

Notizie parrocchiali - 30 aprile 2017


CENTRO ESTIVO
Incontro organizzativo degli animatori: sabato 6 maggio, ore 15 presso l’oratorio Casa del Giovane.
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: durante il mese di maggio l’incontro settimanale è sostituito dalla recita del Rosario, alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Ramate
____________________________________________________________

MESE MARIANO
A partire da lunedì 1 e per tutto il mese di maggio - salvo diverse indicazioni fornite attraverso i bollettini settimanali e questo sito web – tutte le celebrazioni della parrocchia di San Giorgio in Casale si terranno presso la chiesa dei santi Carlo Borromeo e Bernardo di Aosta, particolarmente dedicata alla Vergine di Pompei.
Nei giorni feriali verrà recitato il Rosario alle 20, seguito dalla Messa alle 20,30. Nei giorni festivi si terranno gli orari consueti.
A Ramate verrà recitato il Rosario nelle famiglie, secondo il calendario via via riportato dal bollettino parrocchiale, nei giorni feriali, alle 20,30.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE
Da mercoledì 3 maggio i sacerdoti visiteranno le famiglie martedì di Cafferonio e Casale centro. A Ramate quelle delle vie San Lorenzo, Sanguegno e Casale.
Verranno recapitati gli avvisi ai diretti interessati.
____________________________________________________________

FESTA DI SAN GIORGIO
Programma Generale degli Avvenimenti
E’ possibile consultare il programma generale e il libretto pubblicitario clickando sui link sotto riportati


___________________________________________________________

CORALE DI RAMATE
Giovedì 4 maggio prove di canto, ore 21 in chiesa parrocchiale.

Il pensiero di don Pietro - domenica 30 aprile 2017

TRISTEZZA E PAURA…POI IL DONO DELLA FEDE (Lc. 24,13-35)

Il ritorno a casa, per i due discepoli in cammino verso Emmaus, non ha semplicemente il sapore della sconfitta simile a quella dei tifosi che tornano da una trasferta perduta. E’ molto di più, è la speranza sbriciolata, è il sogno infranto. Sul volto dei due c’è la maschera della tristezza che impedisce loro di vedere e di riconoscere. Non riconoscono Gesù nel viandante che si affianca a loro: “Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo”. Dopo la delusione della croce, i discepoli riescono solo a rientrare nella quotidianità di sempre, ma ora è tutto più pesante e tremendamente difficile perché la novità e i nuovi orizzonti portati da Gesù si sono frantumati. I due discepoli tornano ad Emmaus delusi, immersi nella nostalgia per quanto avevano vissuto, pensano che tutto sia perduto, finito per sempre. Ma ecco la sorpresa che non ti aspetti, viene da uno sconosciuto che si affianca nel loro cammino: “Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti!” I discepoli vivono il sentimento tipicamente umano del rimpianto, di decantare le esperienze del passato come migliori di quelle del presente e in genere del passato come migliore del presente. Lo sconosciuto li educa ad uscire da questa trappola e li chiama ad aprirsi alla novità di Dio presente nella storia, illuminando le loro menti alla conoscenza delle Scritture. Lo sconosciuto piano piano si rivela ai due discepoli che tuttavia lo riconosceranno come il Signore Gesù, il Crocifisso risorto, solo allo spezzare il pane: “Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero”. La rivelazione della vera identità dello sconosciuto avviene gradualmente: inizialmente Gesù dona ai discepoli l’intelligenza e la conoscenza delle Scritture al punto che loro stessi lo riconoscono: “Non ardeva forse in noi il nostro cuore…quando ci spiegava le Scritture?” E successivamente, quando Gesù cede alle loro insistenze perché rimanga: “Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi...”. I discepoli ricevono il dono della fede e lo riconoscono. A questo punto essi non hanno più dubbi e vanno subito dagli altri a dare il gioioso annuncio: “Davvero il Signore è risorto…!” Un dono, per quanto prezioso e nobile, lo si accoglie e si dimostra di averlo gradito se lo si scarta e lo si pone in uso: anche se questo comporta che necessariamente possa sporcarsi, o consumarsi. Anche noi ci dimostriamo riconoscenti al Signore se ci impegniamo a trasmettere la fede ricevuta e se la gioia che ci nasce in cuore ci dà la grazia di raccontarla a chi ne bisogno e non può più starne senza.  

sabato 22 aprile 2017

Notizie parrocchiali - 23 aprile 2017


FESTA PATRONALE DI SAN GIORGIO MARTIRE
Domenica 23 aprile - PROGRAMMA RELIGIOSO

Ore   8.00
S. Messa per Piffero Valentino e Metaldi Pierina
Ore 11.00
S. Messa solenne con la presenza della Priora e Vicepriora, animata dalla Corale “F. Demarchi” di Casale e Crusinallo
Ore 16.00
Solenni S. Vespri, segue la processione con lo stendardo di S. Giorgio e delle frazioni, con l’accompagnamento del Corpo musicale “P. Mascagni” di Casale
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: martedì 25 aprile, 20,45, chiesa parrocchiale di Ramate

Rosario in famiglia: mercoledì 26 aprile, 20,45 presso Gianna Motta, Ricciano
____________________________________________________________

MESE MARIANO
A partire da lunedì 1 e per tutto il mese di maggio - salvo diverse indicazioni fornite attraverso i bollettini settimanali e questo sito web – tutte le celebrazioni della parrocchia di San Giorgio in Casale si terranno presso la chiesa dei santi Carlo Borromeo e Bernardo di Aosta, particolarmente dedicata alla Vergine di Pompei.
Nei giorni feriali verrà recitato il Rosario alle 20, seguito dalla Messa alle 20,30. Nei giorni festivi si terranno gli orari consueti.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE
Da mercoledì 26 aprile i sacerdoti visiteranno le famiglie martedì di Crebbia e Cafferonio. Verranno recapitati gli avvisi ai diretti interessati.
____________________________________________________________

FESTA DI SAN GIORGIO
Programma Generale degli Avvenimenti
E’ possibile consultare il programma generale e il libretto pubblicitario clickando sui link sotto riportati



Il pensiero di don Pietro - Domenica 23 aprile 2017 - San Giorgio Martire

IL DUBBIO E LA FEDE (Gv. 20,19-31)
Non è facile descrivere la fede di una persona, così Tommaso nell’immaginario collettivo è diventato colui che non ha fede. Tuttavia se esaminiamo a fondo la vicenda di Tommaso ci accorgiamo che le sue pretese di vedere e di toccare il corpo risorto di Gesù non sono poi così assurde: “Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non crederò”. Non si tratta di un dubbio teorico ma concreto, Tommaso vuole innanzi tutto verificare che si tratti della medesima persona che ha subìto la passione e la crocifissione, cioè, che non ci sia stato uno scambio di persona. E Gesù con autorevolezza lo accompagna in questa verifica: “Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!” E’ Gesù che, in modo graduale, accompagna Tommaso alla fede, e Tommaso lo riconosce come: “Mio Signore e mio Dio!” La confessione di fede di Tommaso è duplice: crede nella risurrezione e insieme nella divinità di Gesù. E’ una delle confessioni di fede più nitide, chiare, profonde che vi siano nei Vangeli. Eppure Gesù ne denuncia il limite, affermando che c’è una fede più grande, quella di chi crede pur non avendo visto: “Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!” Tommaso sulla base della sola testimonianza dei suoi amici non aveva creduto, e comunque aveva chiesto delle condizioni precise: “Se non vedo…” Noi siamo nella condizione di poter credere senza aver visto, possiamo vivere quella beatitudine di cui ha parlato Gesù. Noi crediamo sulla base dei testimoni “oculari” che ci hanno raccontato ciò che hanno udito e ciò che hanno visto: “Questi segni sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e abbiate la vita nel suo nome”. Non perdiamo questa opportunità! Un’altra lettura dell’esperienza di fede di Tommaso ci può insegnare come possiamo credere che Gesù è risorto anche dentro le ferite più o meno profonde della nostra vita quotidiana, infatti, Tommaso ha creduto mettendo il dito nelle piaghe del Signore: riusciremo noi a fare altrettanto fissando lo sguardo sulle nostre piaghe? E’ questo il compito più impegnativo e difficile della nostra fede. Allora possiamo dire che la vera fede passa sempre dalla prova della croce, e Gesù ce lo ha insegnato.  


lunedì 10 aprile 2017

Notizie parrocchiali - 9 aprile 2017


CELEBRAZIONI DELLA SETTIMANA SANTA

Mercoledì
12 aprile
ore 20.30
L’UPM 15 organizza “Agape di Fraternità” (Cena ebraica), presso la sala parrocchiale Nostr@Domus di Baveno.
 Sono invitate tutte le comunità cristiane dell’UPM 15 di Gravellona Toce.
Giovedì
13 aprile
ore 20.30
Casale e Ramate
Celebrazione della Cena del Signore. Le offerte che raccoglieremo in questa occasione saranno devolute per le necessità del Gruppo Caritas interparrocchiale a favore dei poveri.
Venerdì
14 aprile
ore 15 Montebuglio
       17,25 Ramate
       18 Casale
Celebrazione della Croce: lettura della Passione di Gesù, Adorazione della Croce, Comunione eucaristica.

ore 20.30      
Via Crucis al Getsemani. Sono invitate tutte le comunità di Casale, Ramate e Montebuglio
Sabato
15 aprile
14.30 – 18.00
16.00 – 18.00
Confessioni individuali nella chiesa di Casale
Confessioni individuali nella chiesa di Ramate
la Messa delle 18 a Gattugno è sospesa

ore 22 Ramate
       22.30 Casale
Veglia Pasquale nella notte santa: liturgia della luce, della parola, dell’acqua battesimale e dell’Eucaristia
Domenica
16 aprile

Le celebrazioni seguono il normale orario festivo
_____________________________________________________________

INCONTRI DI PREGHIERA
Gruppo San Pio da Pietrelcina: l’incontro di martedì 11 aprile è sospeso in occasione della Settimana Santa.
____________________________________________________________

CATECHISMO
Giovedì 13 aprile i gruppi delle scuole medie parteciperanno alle celebrazioni del Giovedì Santo, alle 20,30 presso la chiesa di Casale. Il gruppo di quarta elementare di Ramate parteciperà alla funzione nella chiesa frazionale.
Gli incontri formativi del 14, 15 e 16 aprile sono sospesi.
___________________________________________________________

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE
I sacerdoti inizieranno le visite alle famiglie martedì 18 aprile. Verranno recapitati gli avvisi per le diverse zone.
____________________________________________________________

IN VISTA DI SAN GIORGIO
E’ ormai entrata in funzione la macchina organizzativa per la festa patronale di San Giorgio, in programma a fine aprile. E’ stata montata la struttura del tendone - riparato dopo i danni subiti lo scorso anno a causa di una bufera improvvisa - e si raccolgono i doni per la pesca di beneficienza, in particolare bottiglie di vino, purché munite di regolare etichetta commerciale.
Aperta anche la raccolta degli ingredienti per la tradizionale ‘torta del pane’: amaretti, latte, limoni, uova, cioccolata fondente e vanillina. In alternativa è anche possibile versare un contributo economico.
Ogni cosa può essere consegnata presso la casa parrocchiale di via Roma, 6.
___________________________________________________________

ESTATE RAGAZZI
Il corso di formazione per gli animatori dei GREST, organizzato da tutte le parrocchie dell’Unità Missionaria di Base di Gravellona Toce, ha preso avvio il 26 marzo. Il secondo dei quattro incontri si terrà sabato 22 aprile, alle 15, presso l’oratorio Casa del Giovane.

Partecipazione obbligatoria.